ANCORA PRESE DI POSIZIONE UFFICIALI SULLA IPOTIZZATA CHIUSURA DELL’OSSERVATORIO AMBIENTALE

In attesa di capire l’evoluzione che la vicenda dell’ Osservatorio Ambientale avrà ufficialmente nei prossimi giorni, per dovere di cronaca riferiamo che anche il Comune di Baranzate ha scritto nei giorni scorsi una lettera al Ministero e agli altri enti interessati.

Viene ribadita ancora una volta la funzione di garanzia dell’O.A. a tutela delle attese della popolazione in materia  di mitigazioni e compensazioni ambientali che sono da ritenersi indispensabili.

Si ricorda che l’operatività dell’O.A. è stabilita dal suo avvio  fino a 12 mesi post operam e si richiede che non venga interrotto il monitoraggio delle indispensabili mitigazioni ambientali.

Interviene anche la Regione Lombardia, a firma del Direttore Generale  del settore Ambiente, energia e sviluppo sostenibile. Nella lettera inviata si condivide l’orientamento di assicurare continuità alle attività di verifica delle ottemperanze , monitoraggio ambientale e interlocuzione con gli enti locali e i cittadini interessati. Si ricorda il parere vincolante della Regione alla istituzione dell’O.A. in sede di procedimento di VIA nazionale. Si evidenzia che i lavori non sono conclusi e che permangono criticità progettuali e socio ambientali con riferimento particolare alla situazione di Paderno Dugnano e si riconosce l’attività puntuale svolta dall’Osservatorio Ambientale. Infine, confermando la necessità di procedere al rinnovo dell’Osservatorio Ambientale in continuità con l’organismo già costituito e operante, si chiede di mantenere inalterato il numero dei componenti regionali in seno all’Osservatorio.

Con riferimento alla posizione espressa da Regione Lombardia facciamo rilevare molto brevemente, perché su questo aspetto torneremo nei prossimi giorni, che la FINLOMBARDA ( società pubblica interamente partecipata da Regione Lombardia) detiene il 100% del capitale di Milano Serravalle. Appare , quindi, quantomeno anomalo che la Regione chieda la conferma e il rinnovo dell’O.A. e la  “ sua” società Serravalle, nei fatti, dia l’alibi al Direttore Generale del Ministero Lo Presti per chiudere lo stesso Osservatorio.  Come sta insieme questa cosa? Torneremo a parlarne presto, molto presto.