Il difficile percorso di “INFRASTRUTTURA VERDE”

Facciamo il punto della situazione.

Dopo la sentenza del Consiglio di Stato, che ha detto la parola fine al sogno dell’interramento , abbiamo voluto mettere a fuoco il tema delle mitigazioni ambientali e abbiamo iniziato a parlarne nell’assemblea pubblica del 27/10/2015.

Il progetto di Serravalle è inadeguato , il decreto ministeriale n°274 del novembre 2014, ha introdotto l’innalzamento delle barriere acustiche per alcuni tratti, il miglioramento del verde alla scuola Curiel e indicato alcune linee guida per ulteriori migliorie, sotto il profilo ambientale, la cui traduzione nel dettaglio e realizzazione era demandata a Comune e Serravalle. Le intese raggiunte tra Comune e Serravalle, a nostro avviso, non danno quel valore aggiunto, in termini di contrasto visivo , acustico e all’inquinamento che ci saremmo aspettato e che il decreto richiedeva. Ci sono ampie zone lungo il tracciato della Rho Monza che necessitano di interventi migliorativi radicali.

Nella primavera del 2016 i cittadini, riuniti nel CCIRM, danno incarico a dei professionisti di ambiente e paesaggio di elaborare una proposta migliorativa efficace.

Nasce così “Infrastruttura verde”. Che cos è ? Per chi ancora non la conoscesse, diciamo che è un’ ipotesi progettuale di paesaggio urbano che colma le lacune del progetto di Serravalle e introduce elementi innovativi di mitigazioni ambientali, creando aree alberate di pregio e dune a protezione della scuola Curiel e degli insediamenti residenziali a ridosso dell’autostrada, dove questo è ancora possibile e cioè in Via Rosselli, Via Della Quercia, area ex collinetta, Via Battisti, Via Sesto S. Giovanni, Via Brasile.

“Infrastruttura verde” viene presentata nell’assemblea pubblica del 20/6/2016 e viene accolta favorevolmente da cittadini e forze politiche, inclusa l’Amministrazione Comunale.

Il 25/7 “ Infrastruttura verde”, grazie al contributo dei deputati Casati e De Rosa, arriva sul tavolo del Ministero delle Infrastrutture che dimostra interesse e apertura per la sua realizzazione. Viene indicato un percorso istituzionale da seguire e fissato un secondo incontro per la metà di Ottobre per la verifica del lavoro svolto ed il passaggio alla fase finale del finanziamento della variante. La partenza di questo percorso prevedeva la condivisione dell’idea progettuale di Infrastruttura verde da parte dell’Amministrazione Comunale e l’inserimento di essa in una delibera di giunta.

L’incontro, previsto per metà Ottobre, non c’è stato perché la delibera di giunta non è stata emessa e questo non ha consentito l’avvio del percorso stabilito dal Ministero.

Il 1/12 si è riunita la Commissione Territorio del Comune di Paderno Dugnano con all’ordine del giorno il tema delle mitigazioni ambientali e compensazioni sociali Rho-Monza, inclusa “Infrastruttura verde”. L’assessore Tonello, in questa circostanza, ha confermato l’adesione dell’Amministrazione Comunale all’idea progettuale di Infrastruttura verde e ha anticipato, in termini generali, il contenuto della delibera la cui emissione e presentazione all’Osservatorio Ambientale, unitamente al verbale della seduta della Commissione Territorio, era prevista per la settimana successiva.

Dobbiamo registrare che, ad oggi 27/12 , la delibera non è ancora stata emessa e che il verbale della seduta della Commissione Territorio. non è stato ancora firmato.

I cittadini , interessati veramente alla vicenda, vorrebbero vedere finalmente tradotti in atti concreti i propositi dichiarati dall’Amministrazione Comunale e verificare poi la reale disponibilità delle istituzioni che si sono dichiarate fin qui interessate e favorevoli.